Impianti a pavimento

Il sistema di climatizzazione degli ambienti tramite pavimento radiante consiste nell’installazione di tubazioni annegate nel massetto del pavimento all’interno delle quali circola acqua calda o fredda in un circuito chiuso, che si sviluppa coprendo una superficie radiante molto elevata.

Il sistema viene realizzato inserendo pannelli isolanti  sopra la soletta portante del pavimento, sui quali vengono posate le tubazioni, che vengono annegate completamente nello strato di supporto, infine, si ricopre il massetto con il rivestimento finale.

Le tubazioni che costituiscono i circuiti radianti sono alimentate da un collettore di distribuzione, sul quale, in corrispondenza dello stacco di ciascun circuito, può essere installata una valvola elettrotermica che collegata alla centralina e alle sonde di temperatura, consente di controllare ogni singolo circuito, permettendo così di avere le temperature che si desiderano in ogni locale.

Un impianto di riscaldamento a pannelli radianti, rispetto ai tradizionali corpi scaldanti, cioè i radiatori, ha il vantaggio di avere minori costi di esercizio, questo perché è un sistema che funziona a bassa temperatura (in genere tra i 30° e i 40°C).

È però anche un sistema caratterizzato da un’alta inerzia termica, ciò significa che impiega maggior tempo, rispetto ad altri sistemi di riscaldamento, per portare l’ambiente alla temperatura desiderata; è quindi indicato per installazioni in luoghi in cui l’impianto resti acceso per la maggior parte delle ore della giornata, meno indicato per situazioni in cui l’impianto venga acceso e spento di frequente e ci sia quindi la necessità di scaldare gli ambienti in modo rapido.

Funzionando a bassa temperatura gli impianti radianti a pavimento sono particolarmente indicati per l’abbinamento a pompe di calore; in questo caso, o se collegati ad un gruppo frigorifero, possono essere usati anche per il raffrescamento degli ambienti. Questo sistema di raffrescamento presenta dei vantaggi rispetto al tradizionale impianto di condizionamento con split in termini di confort in quanto non crea movimenti d’aria che possono creare disconfort.

Come nel caso dell’utilizzo in riscaldamento, l’elevata inerzia termica lo rende particolarmente indicato per luoghi a permanenza continua.

Un impianto di raffrescamento a pannelli radianti va sempre abbinato ad un impianto di deumidificazione per evitare la formazione di condensa sulla superficie del pavimento.


  • Novità